Come si conserva correttamente il pane? Come si recupera il pane raffermo per farlo tornare (quasi) fresco? Come riutilizzarlo per preparare deliziosi piatti per tutti i gusti? Ecco tutto quello che avreste sempre dovuto sapere sul pane raffermo.

Le ricette con il pane raffermo

Dalla pappa al pomodoro alla crema di pane, passando per la panzanella rivisitata, le polpette, il polpettone, gli sformati, il formaggio dei poveri e persino i dolci, il pane raffermo può essere recuperato e trasformato in moltissime ricette buone e sostanziose da provare a casa.

Pappa al pomodoro con il pane raffermo

Per fare la pappa al pomodoro, bisogna semplicemente prendere del pane raffermo, tagliarlo a cubetti e bagnarlo con del brodo. Dopodiché, il pane va cotto con la salsa di pomodoro e condito con olio extravergine di oliva toscano, sale e pepe macinato fresco. Servite la pappa al pomodoro con delle fette di pane toscano appena tostato e del basilico fresco a profumare il tutto.

Crema di pane raffermo con uovo e verdure

Crema di pane con uovo al tegamino e verdurine julienne saltate in padella. Il pane ai cereali antichi rustico darà alla zuppa un gusto naturale e saporito. La ricetta della crema di pane è facilissima!

Il formaggio dei poveri, il pane raffermo grattugiato

Cos’è il formaggio dei poveri? Semplicemente pane grattugiato, tostato e poi condito con olio, sale, pepe e spezie. Prepararlo è semplice, il pane raffermo va grattugiato con la grattugia da formaggio. Una volta grattugiato,  il pane va messo in una padella antiaderente già calda e fatto saltare con erbe aromatiche tritate, un filo di olio, sale e pepe. Dopodiché, conservalo per massimo 3 giorni in un barattolino in frigorifero e usalo per guarnire i tuoi primi piatti, per impanare la carne e insaporire i tuoi piatti sfiziosi.

Le polpette si fanno con la mollica di pane raffermo

Le polpette di carne di vitello con ricotta e limone che prepariamo oggi sono molto delicate e poco impegnative. Infatti si cuociono da sole, in forno, un ottimo modo di ottimizzare il tempo. Per prepararle, potete usare del pane raffermo ammollato con il latte, da aggiungere alla carne, alla ricotta, a un uovo e a un cucchiaio di pane raffermo.

Panzanella con burrata e crostini di pane raffermo

Pane raffermo con verdure, un altro modo per recuperare il pane raffermo e dargli vita nuova. Per questa ricetta, non dovrete aspettare che il pane diventi tanto raffermo da sbriciolarsi. Dovrà essere duro ma non troppo, in modo da permettervi di tagliarlo a cubetti da aggiungere alla panzanella.

Pane biscottato

pan-biscotto-panbiscotto-ricetta-veneta

Quella del pan biscotto è una ricetta tipica della tradizione veneta che si prepara recuperando il pane raffermo. Questo croccante panino è un pane asciutto e duro, che scrocchia e si sbriciola e si prepara facilmente a casa. Per fare il pan biscotto a casa, vi basta prendere una pagnotta di pane raffermo e metterla in forno. Aspettate che si scurisca e che diventi una sorta di pane biscottato.

Come si conserva il pane raffermo

Step 1 – Prendere il pane raffermo e tagliarlo a fettone con un coltello da pane ben affilato;

Step 2 – Spennellare le fette di pane con dell’acqua, senza esagerare altrimenti si inzuppa;

Step 3 – Infornarle per 5 minuti a 180° C su una teglia ricoperta di carta da forno.

Condividi